Quando ho comprato il libro di Marie Kando, l’ho letto con l’intento di ordinare il mio spazio personale. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’abbondanza di consigli dai quali avrei potuto prendere spunto per il mio spazio aziendale. Ma un’altra cosa è ancora più degna di nota è che: alcune regole erano ottime per una applicazione aziendale e alcune regole erano l’esatto contrario.

Quindi, se avete letto l’altro mio post su come applicare queste regole, qui trovate il seguito. In precedenza abbiamo parlato delle regole da seguire, esse includono il visualizzare la destinazione cioè dove si vuole finire e anche prendere confidenza con lo scarto di ciò che non funziona.

Nel libro ci sono due regole che sicuramente non dovrebbero essere applicate al tuo business.

La prima regola che non bisogna stare troppo a pensare in  “ visualizzare la destinazione”

E ora potresti essere un po’ confuso. Come può questa regola essere inclusa qui dal momento che è stata inclusa in una regola da seguire nel post precedente? È semplice. L’idea di una destinazione è fastidiosa per alcune persone. Alcuni di noi non possono immaginare un quadro approssimativo di dove vogliamo andare ed essere flessibili andando avanti.

E poi c’è il resto di noi. Mentre alcuni di noi sono flessibili, altri sono fermi su un percorso ed è difficile per loro trovare la flessibilità.

Diciamo che stai sistemando il tuo spazio, che sia fisico o in digitale, e scopri che qualcosa non funziona più. Potresti avere un programma, una destinazione visualizzata, ma come puoi completare vecchie pratiche e pensare al tuo lavoro, ci si rende conto che potrebbe esserci una nuova idea. Potrebbe essere un nuovo modo di fare qualcosa semplicemente o può essere parte di un progetto che si desidera esplorare. Qualunque cosa sia, essere flessibili ti dà la possibilità di esplorare.

Una mentalità chiusa non è sicuramente qualcosa che si desidera; si vuole una mentalità in crescita. Questo è in genere vero nel mondo degli affari e nello sviluppo personale e non è meno vero in questo scenario.

Questo ci porta al secondo punto: mirare alla perfezione. Sicuramente non vuoi puntare alla perfezione. Il fatto è che, la perfezione non esiste. Quando si sta puntando alla perfezione, bisognerebbe invece cercare di puntare al controllo di qualità che definisce alcuni standard contro il business equivalente a una Gioconda.

Il terzo punto che dovresti scartare è “non cambiare il metodo per soddisfare la tua personalità.”  Si dovrebbe assolutamente cambiare il metodo per sentirsi soddisfatti. Dopo tutto, la tua attività riguarda te. Se per te l’anno scorso qualcosa non ha funzionato, perché perseverare? Tutto ciò che non si adattava bene all’ultimo anno di attività deve essere eliminato per fare spazio a nuove ispirazioni, nuovi processi e nuovi modi di esplorare il business.