Nell’ultimo articolo sul riutilizzo dei dati, ho parlato di come si può ottenere di più dai dati di marketing. Si tratta di una mossa intelligente che permette di continuare a lavorare con i numeri su cui abbiamo investito un sacco di tempo e risorse per la raccolta. Eppure, il riutilizzo dei dati è più di una semplice necessità aziendale; si tratta di umanizzare i dati.

Umanizzare i propri dati è una cosa importante: rende il team meno timoroso di accoglierli. In genere, i marketers sono eccezionalmente talentuosi quando si tratta, beh dil marketing. Sono grandi riguardo l’aspetto creativo per la gestione dei lavori. Tuttavia, non sono sempre così versatili quando si tratta di gestire la cosa dalle fondamenta. Ci possono essere persone nel team che possono essere riluttanti o a disagio con l’acquisizione dei dati. Possono sentirsi impacciati con essi il che significa che non si sta ottenendo il massimo del potenziale dal team.

Ci sono alcuni modi con cui si può cambiare la situazione. Per cominciare, si può dare al team un esercizio di visualizzazione dei dati. Date loro i dati mensili per creare una piccola infografica (anche una bozza a penna va bene), circa 30 minuti in una sala riunioni per lavorare per conto loro, e poi farli riunire per rivedere l’idea l’uno dell’altro e formulare un’analisi finale per poter condividere con il resto della compagnia. Se fosse possibile presentare l’analisi finale alla società nel corso della riunione settimanale – ancora meglio.

Suona come un compito in classe perchè effettivamente è così. In questo modo il team acquisisce i dati nel mondo in cui ogni studente acquisisce un determinato argomento per essere a suo agio. Ma oltre a questo, ci sono altre cose che si possono fare per preparare il team e prevenire che essi inciampino sulla comprensione dei dati di marketing.

Idealmente, direi che un’onesta conversazione è la cosa migliore. Eppure, la maggior parte dei membri del team (anche quelli più intelligenti) saranno restii ad ammettere che non sanno qualcosa che tecnicamente è il loro lavoro. Aggirare questo problema trattandolo come se fossero di nuovo a scuola. Dare loro un quiz sui dati di marketing.

Se non è possibile trovare uno o farne uno, date loro una serie di dati e chiedergli di fornire una pagina di sintesi mettendo in evidenza i punti chiave. Vedete quali sono i punti chiave che stanno identificando e quali quelli tralasciati; quali non compresi appieno e quelli che mancano a tutti. Da questi risultati avrete una buona base.

Ci sono altre cose che potete fare, tra cui frequentazione di webinar, corsi online e eventi del settore. Queste sono grandi opportunità per rispolverare le competenze, aumentarne l’interesse, e aprire le porte a sincere conversazioni sui dati.

Alzare il tono potrebbe essere rendere tutto più difficile. Potrebbero non capire perché è necessario investire più tempo nei dati o nella formazione del team. Se questo è il vostro caso, vi ricordo che i dati di marketing sono meglio descritti come la valvola sinistra del cuore del vostro business. Non è tutto il vostro business, ma allo stesso tempo il vostro business non funziona bene senza di essa. Stando così le cose, non ha senso rendere ancora più complesso avvicinarsi all’analisi dei dati, e integrarli in un quadro globale di business, non trovate?