Da qualche giorno, sto lavorando su circa tre progetti diversi dal mio ufficio di casa – lavoro spesso da remoto. Fare le pulizie di primavera sta assumendo, per me, un significato del tutto nuovo. Recentemente, ho sentito parlare di un libro di Marie Kando, un libro che prende i principi giapponesi di riduzionismo e li applica alla vostra vita. Naturalmente, lo scenario è leggermente diverso dal momento che non sto cercando di rimettere in ordine la mia vita domestica giorno per giorno; ma le regole possono essere  applicate alla mia vita professionale.

Prima di iniziare, visualizza la destinazione – Uno dei consigli proposti nel libro è quello di visualizzare la destinazione. Quando si inizia a pulire e riordinare la casa – come quasi tutti – ci immaginiamo come dovrebbe essere una volta finito. Lo stesso vale per l’area di lavoro, ma dovrebbe essere più come vogliamo  che appaia. Dovrebbe essere emozionante e bella.

Chiedetevi come ci si vuole sentire quando si è nel proprio ufficio? E che cosa si vuole essere in grado di fare meglio? È un cambiamento dello spazio che influisce sull’aspetto, il sentire, o come può essere utilizzato – e forse tutto quanto già detto prima?

Personalmente, quando riordino direttamente il mio spazio, è sempre anche in funzione di uno spazio digitale. Per me, significa aggiungere alcuni nuovi strumenti organizzativi per rendere più fluido il mio processo lavorativo giorno per giorno. O forse ho bisogno di più spazio di archiviazione digitale in modo da poter archiviare e accedere in digitale a tutto quello che mi serve?

Prima scarta – Visualizzare la destinazione può coinvolgere anche il modo di fare business. Forse si sta cercando di migliorare la produttività e l’efficienza? Se è questo il caso, allora è necessario eliminare le politiche e i processi che non funzionano. Questo è più facile per le start-up e più difficile per start-up che diventano imprese. Eppure, anche a livello di impresa, si dovrebbe essere ancora abbastanza flessibili per sperimentare nuovi modi di fare le cose. Buttare via ciò che non funziona in modo da avere spazio per provare qualcosa di nuovo.

Uno dei principi chiave del libro è quello di dare a voi stessi una maggiore gioia di vivere. Lo stesso dovrebbe valere per il vostro spazio di lavoro. E se questo è il caso, sbarazzatevi di ciò che non vi dà gioia. Se per qualche ragione, l’assenza di gioia è un imperativo per il vostro business, trovate un modo per renderlo un po’ più divertente e personale.

Il libro di Marie Kondo afferma che non è possibile riordinare se non si ha mai imparato come farlo. Se questo è il vostro caso, cominciate da qualche parte e partite dal poco. E se questo non è il vostro caso, allora bisogna sapere che mantenere il processo di scarto come regolare attività nella vostra azienda è qualcosa che vi aiuterà a rimanere flessibile.

Quando si tratta di mettere in ordine la vostra attività, fate ciò che funziona per voi – e godetevi il processo. Questo riguarda te ed è quello che vuoi per l’anno corrente ed è un processo che dovrebbe essere gustato.