Immagina: Ti sei iscritto a un nuovo fornitore di servizi email (come Benchmark Email). Non vedi l’ora di iniziare e ti prepari a lanciare la tua prima campagna caricando la tua lista di email. Improvvisamente, i tuoi progressi si interrompono. Ti viene comunicato che devi verificare gli indirizzi email della tua lista.

Allora, cos’è esattamente la verifica delle email e perché blocca i tuoi sforzi di email marketing? La verifica dell’email è molto utile ai fini delle attività di email marketing e te ne renderai conto in futuro.

Se non sei ancora del tutto convinto, non preoccuparti. Ti spiegheremo il perché e il quando della verifica dell’email, in modo che tu possa familiarizzare con essa e capire come può migliorare in modo significativo i tuoi sforzi di marketing. Entriamo nei dettagli.

 

Cos’è la verifica email?

La verifica delle email è il processo che garantisce che le email della tua lista siano collegate a una casella di posta. In altre parole, si tratta di assicurarsi che i messaggi che stai inviando abbiano un posto dove arrivare.

La verifica della lista è il processo di rimozione delle email non consegnabili o pericolose dalla tua lista. Ad esempio, quando si utilizza Benchmark Email, il nostro processo di campionamento delle liste si attiva non appena un utente carica una lista nel nostro sistema. Questo processo verifica la presenza di email non consegnabili e, in base ai risultati, la lista viene rifiutata o approvata.

 

Perché dovrei verificare le mie email?

Quando si tratta di messaggi non consegnati, inviare email a una lista non verificata può portare a spiacevoli conseguenze. I provider di servizi email, come Benchmark Email, sono proattivi nel verificare le tue email per proteggerti da:

Sospensione dell’account

I provider di servizi Internet, i controllori di spam e i servizi di sicurezza per le email fissano delle soglie per i reclami di spam, i messaggi non consegnati e le disiscrizioni. Se stai inviando email a una lista non aggiornata o poco curata, probabilmente causerai un numero elevato di tutti e tre i casi.

Le piattaforme di email hanno l’obbligo di far rispettare queste soglie. Se le superi, potrebbero essere costrette a sospendere il tuo account per salvaguardare la loro reputazione e i tassi di recapito. Questo potrebbe anche far finire le tue email nella lista nera.

La verifica di una lista di email è particolarmente utile per ridurre il numero di messaggi non consegnati. Più basso è il tuo tasso di respinta, più alta è la tua deliverability e maggiori sono le possibilità di raggiungere la casella di posta.

Risultati di marketing negativi

Inviare un’email a molti indirizzi può farti sentire produttivo, ma se questi indirizzi non sono validi, non otterrai nulla. Dopotutto, l’invio di un’email è una strategia. L’obiettivo di fondo è creare una connessione, cosa che non è possibile con un indirizzo non valido.

Se un numero eccessivo di email viene respinto, questo può danneggiare la tua deliverability. Ciò significa che anche gli indirizzi validi potrebbero non ricevere tue notizie.

Inoltre, un’alta frequenza di respinta può compromettere le metriche della tua campagna, rendendo più difficile capire cosa sta funzionando per gli indirizzi validi della tua lista.

Denaro Sprecato

Poiché i fornitori di servizi di posta elettronica basano i loro prezzi sul numero di iscritti che ogni utente ha nella propria lista, mantenere nel sistema indirizzi email non validi è uno spreco ricorrente di fondi preziosi per il marketing. Un ulteriore vantaggio della verifica degli indirizzi email è quindi l’ottimizzazione dei costi.

 

I vantaggi della verifica email: Come influisce sulle prestazioni dell’email marketing

Abbiamo già parlato di cosa succede quando continui a inviare email a indirizzi non validi. Ora analizziamo l’altra faccia della medaglia: quali sono i vantaggi di eliminare gli indirizzi email non validi?

Mantiene pulita la tua lista di email

Ogni anno, il 37,5% dei dati dei clienti diventa obsoleto, compresi gli indirizzi email. Ciò significa che se all’inizio dell’anno la tua lista di email aveva 1.000 contatti, alla fine dell’anno 375 di quegli indirizzi email non saranno più validi.

Il decadimento dei dati avviene naturalmente e non c’è nulla che tu possa fare per fermarlo. Uno dei motivi può essere il cambio di lavoro. Ad esempio, 1 dipendente su 5 ha cambiato volontariamente lavoro nel 2020 Quando gli indirizzi email aziendali non saranno più attivi, le tue email verranno inviate nel nulla.

La verifica email è importante perché aiuta a eliminare le email non valide dalla tua lista e a mantenerla aggiornata. Come regola generale, dovresti verificare la tua lista una volta ogni due mesi. In questo modo si eliminano gli indirizzi email non validi a causa del naturale decadimento dei dati e di altri fattori, come la presenza di indirizzi incompleti da parte dei clienti al momento dell’iscrizione.

Riduce le respinte hard

Supponiamo che un dipendente della tua lista email cambi datore di lavoro e il suo indirizzo email diventi naturalmente obsoleto. Se invii un’email a quell’indirizzo, questa non verrà recapitata perché l’indirizzo non esiste. Questo scenario è noto come respinta hard. 

Ecco il vantaggio della verifica degli indirizzi email: quando pulisci la tua lista di email, riduci il tasso di respinta hard e le possibilità che il tuo provider di servizi email associ il tuo IP allo spamming. In definitiva, migliora la tua reputazione di mittente e riduce al minimo le possibilità di finire nelle liste di blocco delle email. 

Migliora la deliverability

Filtrare gli indirizzi email non validi dalla tua lista aiuta a mantenere gli indirizzi che possono ricevere le email, il che significa una maggiore deliverability.

Un tasso di deliverability più alto significa una maggiore efficacia dell’email marketing. Più email arrivano nella casella di posta degli iscritti, più hai la possibilità di migliorare i tassi di apertura e di coinvolgimento.

 

Quando devi verificare gli indirizzi email?

Non c’è dubbio che la verifica degli indirizzi email comporti una serie di vantaggi. Migliora l’efficacia delle campagne email, la prevenzione delle frodi e la reputazione del mittente. Per questo motivo, devi definire una buona strategia di verifica email.

Quando devi effettuare la verifica email?

  • Una volta ogni due mesi: Molte campagne di email nurture durano più di otto settimane. Eseguendo la verifica della tua lista una volta ogni due mesi, ti libererai degli indirizzi non validi e non corretti prima della prossima campagna email. 
  • Prima di inviare una campagna: Puoi effettuare la verifica delle email anche se hai bisogno di lanciare subito una campagna e se è passato molto tempo dall’ultima verifica programmata. È fondamentale eliminare gli indirizzi non validi che potrebbero essere entrati nella tua lista durante la tua recente campagna di list-building. In questo modo, la nuova campagna sarà priva di indirizzi email non validi e sbagliati.
  • Verifica in tempo reale: Il modo migliore per mantenere fresca la tua lista di email è assicurarsi che i nuovi iscritti forniscano indirizzi email validi e completi. Con la verifica in tempo reale, convalidi gli indirizzi appena acquisiti per assicurarti che siano privi di errori di battitura e di account falsi.

 

Cosa devi fare se hai delle email non valide?

Le email non valide sono una bomba a orologeria. Se non li rimuovi dalla tua lista, presto comprometteranno le tue campagne email. Questi indirizzi email non validi non aggiungono alcun valore. Anzi, gonfiano i costi di gestione e potrebbero danneggiare le tue campagne email.

Tuttavia, per quanto un indirizzo email non valido possa essere privo di valore, ti costa tempo, denaro e fatica inserirlo nella tua lista. Per questo motivo, prima di gettarlo nel cestino, dovresti cercare di recuperarlo.

Per prima cosa, filtra tutti gli indirizzi email non validi dalla tua lista di invio, ma non cancellare le email non valide. Cerca invece di capire perché l’indirizzo non è valido: potrebbe essere dovuto a errori di battitura, al cambio di posizione della persona, alla morte del server email o alla scadenza del dominio.

Ecco alcuni passi da compiere per recuperare un’email non valida:

1. Controlla che non ci siano errori di battitura nelle email

Ricontrolla l’indirizzo email per vedere se ci sono errori di ortografia. Ad esempio, l’iscritto potrebbe aver scritto “gnail” invece di “gmail”. Correggi gli errori di battitura, se possibile, verifica nuovamente l’indirizzo e poi aggiungilo alla tua lista email.

2. Controlla che le email non presentino problemi di formattazione

Ogni email ha tre parti: indirizzo locale, nome di dominio e identificatore di dominio. Prendi contactt@benchmarkemail.com. Contact è l’indirizzo locale, benchmarkemail è il dominio e .com è l’identificatore. Di solito, c’è una @ prima del dominio.

Tutte le email che non seguono questo formato sono considerate non valide. Ci sono indirizzi email formattati in modo errato nella lista dei non validi? Cerca di capire cosa potrebbe essere fuori posto e correggi gli errori.

3. Contatta il proprietario dell’email

Se utilizzi uno strumento CRM (come BenchmarkONE) per gestire la tua lista di contatti, è probabile che tu abbia altri modi per comunicare con il proprietario dell’email. Se hai il suo numero di telefono, contattalo e chiedigli di confermare il suo indirizzo email. Se non è possibile, cercali sui social media: LinkedIn è un buon punto di partenza.

Nota: se un indirizzo non è valido perché il server email o il dominio è morto, non puoi fare molto per recuperarlo. Il posto giusto per quell’indirizzo è il cestino.

 

Come fa Benchmark Email a verificare le email della mia lista?

Benchmark works with Kickbox to perform a preliminary scan on a portion of your list. During the verification process, Kickbox checks email syntax (“does it have an @ symbol”), verifies its email domain (MX record) and confirms the address exists on the server using custom integrations. Benchmark Email flags users when the percentage of risky emails in the sample list exceeds its acceptable standard.

In general, it’s a good idea for everyone to verify their entire email list before importing it into an ESP. While Benchmark Email’s preliminary process helps assess your risk, it doesn’t subject your entire list to a complete scan. That’s where Kickbox can help you.

 

Quali tipi di e-mail sono rischiose e come gestirle?

Kickbox ordina le email in diverse categorie:

  • Valido – email che non sono affatto rischiose
  • Non valido – email che dovresti ovviamente rimuovere dalla tua lista.
  • Le altre categorie sono un po’ più articolate.
  • Accept All – email associate a domini che inizialmente accettano tutto ciò che arriva. Questi domini “catch-all” potrebbero avere un firewall o altri strumenti antispam che potrebbero rimuovere o far rimbalzare le tue email in un secondo momento.
  • Unknown – email associate a un dominio che non risponde. Potrebbe trattarsi di un problema temporaneo, ma crea comunque incertezza.

Poiché le email “accept all” e “sconosciute” sono rischiose, è bene procedere con cautela. Se la maggior parte della lista è composta da email non valide, accettate e sconosciuti, considera l’età e la fonte dei dati.

Inoltre, Kickbox analizza e identifica altri due tipi di email potenzialmente rischiose: gli indirizzi role-based e gli indirizzi temporanei.

  • Role-based – indirizzi che di solito sono impostati per gestire le richieste o i problemi generici di un’organizzazione. Ad esempio, gli indirizzi che iniziano con sales@, support@ o info@. Queste email possono essere gestite da più persone in diversi dipartimenti. In generale, l’invio di email a questi indirizzi comporta un alto tasso di reclami.
  • Temporanei o usa e getta – indirizzi creati dagli utenti al posto del loro indirizzo principale. Gli utenti possono voler nascondere la propria identità o semplicemente non vogliono iscriversi a un’altra lista di email. Gli indirizzi temporanei sono validi e attivi per un po’ di tempo, infatti gli utenti possono condividerli con più organizzazioni. Tuttavia, è più probabile che vengano chiusi dopo qualche tempo. A causa della loro natura temporanea, vengono identificati come email a rischio e non dovrebbero essere inclusi nell’elenco importato da Benchmark.

 

Come devo verificare le mie email e quanto costa?

Puoi iscriverti a Kickbox e verificare le tue email cliccando su questo link e seguendo i passaggi.

Per quanto riguarda i costi, una corretta verifica email può farti risparmiare.

Ad esempio, gestire 100.000 iscritti con Benchmark Email costa 424 dollari al mese. Se il 20% di queste email non sono valide (una possibilità realistica), significa che l’utente dovrebbe pagare solo per 80.000 iscritti validi al costo di 340 dollari al mese.

Senza verifica, l’utente paga un prezzo più alto. La differenza sostanziale tra il mercato reale e quello ideale è una perdita ricorrente di 84 dollari al mese o di 1008 dollari all’anno.

Kickbox ha dei piani a pagamento ma puoi verificare 100 email gratuitamente.

I vantaggi della verifica e della pulizia della tua lista di email sono diretti e misurabili. Inoltre, il monitoraggio continuo della qualità delle tue email prima dell’invio è un must, poiché i dati delle email decadono più velocemente di quanto pensiamo.

I vantaggi della verifica delle email e della pulizia della tua lista sono diretti e misurabili. Inoltre, il monitoraggio continuo della qualità delle tue email prima dell’invio è un must, poiché i dati delle email decadono più velocemente di quanto pensiamo.

 

Perché molti indirizzi email non sono validi?

Ecco alcuni motivi per cui potresti avere un’alta percentuale di email non valide o altre email rischiose:

  • Decadimento della lista – Gli indirizzi email non rimangono necessariamente validi per sempre. Le persone cambiano lavoro, si sposano o abbandonano gli account. Infatti, i database di email si degradano di circa il 22,5% ogni anno.
  • Non stai convalidando le email – Se stai utilizzando i moduli del sito web, le landing page, le richieste di demo o altri lead magnet per tracciare i nuovi iscritti, ottimo lavoro! Tuttavia, è possibile che tu stia facendo entrare nel tuo sistema degli errori di battitura. Oltre a pulire la tua lista esistente, Kickbox può bloccare gli errori di battitura al momento dell’iscrizione.
  • Troppi indirizzi role based – È possibile che la tua lista sia piena di indirizzi di ruolo (come sales@ o marketing@) o di indirizzi usa e getta.

Anche i grandi marketer hanno email sbagliate nelle loro liste. Ma rimuovendo in modo proattivo, otterrai prestazioni migliori, aumenterai la capacità di valutazione delle campagne e proteggerai le tue campagne da un improvviso declino. Da qui l’importanza di verificare le email presenti nelle tue liste di contatti.